Condizioni generali di vendita

 


 

Indice

1. Ambito di validità
2. Stipula del contratto
3. Oggetto del contratto
4. Attribuzione di diritti in un contratto sulla fornitura di software
5. Attribuzione di diritti in un contratto sulla concessione a tempo determinato di software
6. Obblighi del cliente
7. Diritto di revoca
8. Prezzi e condizioni di pagamento
9. Condizioni di fornitura e spedizione
10. Riserva di proprietà
11. Garanzia legale nei contratti ai sensi dei punti 3.2, 3.3 a) e 3.4
12. Garanzia legale nei contratti ai sensi del punto 3.3 b) 
13. Condizioni di garanzia contrattuale "garanzia Money Back 100%"
14. Responsabilità per altre violazioni degli obblighi 
15. Riscossione di buoni promozionali 
16. Citazione come referenza
17. Disposizioni finali

 


 

1) Ambito di validità

1.1 Le presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV) della lizengo GmbH & Co. KG (di seguito "venditore") valgono per tutti i contratti del venditore e un partner contraente (di seguito "cliente") sulla vendita, la fornitura e la concessione a tempo determinato di diversi contenuti digitali, merci digitali e merci non digitali (di seguito collettivamente anche "merci"). Qualora il venditore offra anche servizi, li svolge esclusivamente come prestazione secondaria ai contratti di acquisto sopraccitati. Condizioni Generali di Contratto del cliente diverse, contrastanti o integrative divengono parte integrante del contratto soltanto se e nella misura in cui il venditore abbia approvato espressamente la loro validità. Resta escluso il tacito riconoscimento da parte del venditore delle Condizioni Generali di Vendita per comportamento conclusivo. Tale requisito di approvazione vale in ogni caso, ad esempio anche qualora il venditore fornisca incondizionatamente prestazioni nei confronti del cliente essendo a conoscenza delle sue Condizioni Generali di Vendita.

1.2 Le presenti CGV valgono sia nei confronti dei consumatori (§ 13 Codice Civile tedesco) sia nei confronti delle imprese (§ 14 Codice Civile tedesco). Nella misura in cui le seguenti CGV non contengano annotazioni separate, tutte le condizioni valgono allo stesso modo per contratti con imprese e con consumatori. Qualora singole disposizioni non valgano o valgano solo in forma modificata per i consumatori, ciò è indicato espressamente.

1.3 Queste condizioni valgono anche per future relazioni contrattuali tra il cliente e il venditore, nella misura in cui il cliente sia un'impresa.

1.4 Contenuti digitali ai sensi delle presenti CGV sono tutte le offerte digitali con l'eccezione delle merci digitali, come codici di accesso disponibili in formato digitale, product key o altre informazioni disponibili in formato digitale.

1.5 Merci digitali ai sensi delle presenti CGV sono tutti i software non salvati su un supporto dati fisico che vengono messi a disposizione per il download dal venditore, eventualmente dietro concessione di determinati diritti di utilizzo ai sensi dei punti 5 e 6.

1.6 Merci non digitali ai sensi delle presenti CGV sono tutti i software salvati su un supporto dati fisico che vengono distribuiti dal venditore in formato fisico, eventualmente dietro concessione di determinati diritti di utilizzo ai sensi dei punti 5 e 6, e altri prodotti fisici.

1.7 Il venditore gestisce uno shop online attraverso il suo sito internet (di seguito "shop online"). Inoltre il venditore vende prodotti anche attraverso diversi marketplace, come ad esempio ebay.de, rakuten.de o rueducommerce.fr (di seguito singolarmente o collettivamente "marketplace").

1.8 Con l'emissione di un ordine ai sensi del punto 2.2, il cliente dichiara il suo assenso alle presenti CGV.

 

2) Stipula del contratto

2.1 Al momento di un acquisto tramite lo shop online del venditore, la stipula del contratto non si attua ancora con l'emissione dell'ordine del cliente. L'ordine del cliente rappresenta piuttosto l'emissione di un'offerta di stipulazione del contratto. I prezzi, le offerte di prezzo e le descrizioni di merci o altre prestazioni riportati e indicati nello shop online del venditore non rappresentano un'offerta.

2.2 Al momento di un acquisto tramite un marketplace, la stipula del contratto si attua con l'emissione dell'ordine del cliente.

2.3 Prima dell'emissione vincolante di un ordine, il cliente può rilevare eventuali errori di battitura leggendo attentamente le informazioni visualizzate sullo schermo. Un mezzo tecnico efficace per meglio riconoscere gli errori di battitura può essere la funzione di ingrandimento del browser, che consente di rendere più grande l'area visualizzata sullo schermo. Nel corso del processo di ordinazione elettronico, il cliente può correggere i dati immessi tramite le comuni funzioni di tastiera o mouse fino al momento in cui fa clic sul pulsante che conclude l'ordinazione.

2.4 In caso di acquisto tramite lo shop online, la conferma di ordinazione non costituisce accettazione dell'offerta dell'acquirente da parte del venditore. In questo caso, un contratto tra il venditore e il cliente si attua soltanto con un'ulteriore azione del venditore come da punto 2.5. 

2.5 Il venditore può accettare l'offerta del cliente entro cinque giorni con le seguenti modalità:

  • a) fornendo al cliente la merce ordinata, personalmente oppure tramite un partner commerciale (ad es. Amazon EU S.à.r.l.), nel qual caso è determinante l'arrivo della merce presso il cliente, oppure

    b) richiedendo al cliente, dopo l'emissione del suo ordine, il pagamento dello stesso tramite comunicazione separata. Questa opzione comprende anche la selezione, in fase di ordinazione, di un metodo di pagamento con cui il pagamento avvenga prima dell'invio della merce ordinata.

Qualora si abbiano più di una delle alternative indicate sopra, il contratto si attua nel momento in cui si verifica la prima di esse.

2.6 Il termine per l'accettazione dell'offerta decorre ai sensi del punto 2.5 a partire dal giorno dopo l'invio dell'offerta da parte del cliente, e scade con lo scadere del quinto giorno seguente l'invio dell'offerta. Qualora il venditore non accetti l'offerta del cliente entro il termine citato, l'offerta si considera rifiutata, con la conseguenza che il cliente non è più vincolato alla sua dichiarazione di volontà.

2.7 Per la stipula del contratto si utilizza esclusivamente la lingua italiana.

2.8 Se, ai fini dello svolgimento del contratto, il cliente indica un indirizzo e-mail, egli deve accertarsi che a tale indirizzo sia possibile ricevere le e-mail inviate dal venditore. In particolare in caso di utilizzo di filtri anti SPAM deve accertarsi che questi siano correttamente configurati, in maniera tale che le e-mail del venditore o di terze parti da questi incaricate dell'evasione dell'ordine possano essere consegnate. Il venditore o la terza parte da questi incaricata dell'evasione dell'ordine stenderà le e-mail in maniera tale che, in base all'apparenza esterna e in particolare al profilo del modello di testo, non siano oggettivamente idonee a dare l'impressione di un messaggio spam.

 

3) Oggetto del contratto

3.1 Il venditore mette merci a disposizione del cliente. Il venditore svolge servizi solo come prestazione secondaria ai contratti sulla fornitura di merci. È determinante la natura concordata della prestazione. Nello svolgimento delle sue prestazioni, il venditore si serve a sua scelta di impiegati propri, subappaltatori o altri incaricati.

3.2 Nel caso di un contratto sulla fornitura di merci non digitali, la base della prestazione del venditore è la descrizione fornita nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore. Si segnalano le regolamentazioni sulla riserva di proprietà ai sensi del punto 10. Nel caso di un contratto sulla fornitura di software (di seguito: "acquisto di software") il venditore deve la concessione permanente del software indicato nel certificato di licenza. Il venditore deve la concessione di un esemplare del software su un supporto dati adatto come un CD-Rom, disco Blue Ray o chiavetta USB, nonché la concessione di una versione stampata o disponibile in download della relativa documentazione per l'utente. Prima del completo pagamento del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8, tutti i supporti dati e la documentazione per l'utente consegnata sono sotto riserva di proprietà del venditore. Per la natura del software è determinante la rispettiva descrizione del prodotto nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore. Il venditore deve inoltre l'attribuzione di diritti ai sensi del punto 4.

3.3 In caso di contratto sulla fornitura di merci digitali, il venditore deve

  • a) nel caso di un contratto sulla fornitura di software (di seguito: "acquisto di software") la concessione permanente del software indicato nel certificato di licenza in codice oggetto. Il venditore deve l'indicazione di una possibilità di download del software e la concessione di una versione stampata o disponibile in download della relativa documentazione per l'utente. Prima del completo pagamento del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8, la documentazione per l'utente consegnata è sotto riserva di proprietà del venditore. Per la natura del software è determinante la rispettiva descrizione del prodotto nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore. Il venditore deve inoltre l'attribuzione di diritti ai sensi del punto 4.

    b) nel caso di un contratto sulla concessione a tempo determinato di software (di seguito: "noleggio di software") la concessione a tempo determinato del software indicato nel certificato di licenza in codice oggetto. Il venditore deve l'indicazione di una possibilità di download del software e la concessione di una versione stampata o disponibile in download della relativa documentazione per l'utente. Prima del completo pagamento del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8, la documentazione per l'utente consegnata è sotto riserva di proprietà del venditore. Per la natura del software è determinante la rispettiva descrizione del prodotto nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore. Il venditore deve inoltre l'attribuzione di diritti ai sensi del punto 5.

3.4 In un contratto sulla fornitura di un contenuto digitale, il venditore deve la messa a disposizione del contenuto digitale. L'utilizzo del contenuto digitale inviato al cliente è soggetto a riserva delle condizioni d'uso rispettivamente previste per l'utilizzo del relativo produttore. L'utilizzo del contenuto digitale è soggetto alla condizione sospensiva del completo pagamento del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8. Il venditore può consentire provvisoriamente l'utilizzo anche prima di tale momento.

3.5 Il venditore deve prestazioni di servizio esclusivamente come prestazione secondaria contrattuale o post-contrattuale ai citati obblighi di prestazione principali, e soltanto dietro accordo separato con il cliente.

3.6 Per la fornitura del rispettivo oggetto del contratto vale il punto 9.

3.7 Qualora al venditore venisse ostacolata o del tutto esclusa la possibilità di fornire le sue prestazioni previste da contratto poiché dipendenti, documenti, dati o apparecchi del cliente non sono disponibili in maniera adeguata o lo sono soltanto insufficientemente, o poiché il cliente, intenzionalmente o per negligenza, non adempie al suo obbligo di collaborazione, cosa che comprende anche il rispetto dei termini, il venditore è legittimato a mettere in conto al cliente le spese aggiuntive provocate.

3.8 Se il cliente è un'impresa, resta fatta riserva della disponibilità puntuale e corretta del prodotto, qualora il venditore non sia responsabile della disponibilità non puntuale e non corretta del prodotto.

 

4) Attribuzione di diritti in un contratto sulla fornitura di software

4.1 Il presente punto 4 vale esclusivamente per contratti sull'acquisto di software ai sensi dei punti 3.2 e 3.3 a).

4.2 Con il pagamento completo del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8, il cliente riceve il diritto non esclusivo a tempo indeterminato all'utilizzo della merce nell'estensione concessa nel contratto. Il venditore può consentire provvisoriamente l'utilizzo della merce anche prima di tale momento. La merce può essere utilizzata solo da un numero massimo di persone fisiche contemporaneamente corrispondente alle merci acquistate dal cliente. L'uso ammesso comprende l'installazione del software, il caricamento nella memoria di lavoro e l'utilizzo conforme alle disposizioni da parte del cliente. In nessun caso il cliente ha il diritto di dare a noleggio la merce acquistata o concedere sottolicenze su di essa, di riprodurla pubblicamente o renderla accessibile al pubblico su filo o senza filo o di renderla disponibile a terze parti dietro compenso o gratuitamente. Quanto detto non pregiudica il punto 4.5.

4.3 Il cliente è legittimato a realizzare una copia di backup del software se ciò è necessario per la sicurezza dell'utilizzo futuro.

4.4 Il cliente è legittimato a decompilare e riprodurre il software esclusivamente qualora questo sia previsto per legge. Tuttavia, ciò vale soltanto al presupposto che il venditore non abbia reso accessibili al cliente su sua richiesta le informazioni necessarie entro un termine adeguato.

4.5 Il cliente è legittimato a cedere permanentemente la copia acquistata del software a una terza parte, consegnando anche la documentazione. In questo caso egli interromperà completamente l'utilizzo del software, rimuoverà dai suoi computer tutte le copie del software installate e cancellerà tutte le copie presenti su altri supporti dati o le cederà al venditore, nella misura in cui non sia tenuto per legge a conservarle per un periodo più lungo. Su richiesta del venditore, il cliente gli confermerà per iscritto la completa esecuzione delle misure citate o eventualmente gli esporrà i motivi per cui è tenuto a conservare la merce per un periodo più lungo. Inoltre, il cliente concorderà espressamente con la parte terza il rispetto dell'estensione dei diritti attribuiti ai sensi di questo punto 4. Non è ammessa la ripartizione di pacchetti a volume acquistati.

4.6 Qualora il cliente utilizzi il software in una maniera che superi le autorizzazioni all'uso acquistate con la merce qualitativamente (in relazione al tipo di utilizzo concesso) o quantitativamente (in relazione al numero di utenti), egli provvederà immediatamente ad acquistare le ulteriori merci necessarie a garantire un utilizzo concesso. Qualora il cliente non lo faccia, il venditore farà valere i diritti spettantigli.

4.7 Indicazioni di diritti d'autore, numeri di serie e altre caratteristiche finalizzate all'identificazione del programma non possono essere rimosse dal software né modificate.

 

5) Attribuzione di diritti in un contratto sulla concessione a tempo determinato di software

5.1 Il presente punto 5 vale esclusivamente per contratti sulla cessione a tempo determinato di software ai sensi del punto 3.3 b).

5.2 Con il pagamento completo del prezzo d'acquisto ai sensi del punto 8, il cliente riceve il diritto non esclusivo a tempo determinato, per la durata del contratto, non trasferibile e senza possibilità di conferire sottolicenze all'utilizzo della merce nell'estensione concessa nel contratto e nel certificato di licenza. Il venditore può consentire provvisoriamente l'utilizzo della merce anche prima di tale momento. La durata del periodo di tempo limitato del contratto si determina in base alle rispettive indicazioni nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore, ovvero in base alla scelta della durata che il cliente deve effettuare prima della stipula del contratto. L'uso ammesso comprende l'installazione del software, il caricamento nella memoria di lavoro e l'utilizzo conforme alle disposizioni da parte del cliente. In nessun caso il cliente ha il diritto di dare a noleggio la merce acquistata o concedere sottolicenze su di essa, di riprodurla pubblicamente o renderla accessibile al pubblico su filo o senza filo o di renderla disponibile a terze parti dietro compenso o gratuitamente.

5.3 Il cliente è legittimato a realizzare una copia di backup del software se ciò è necessario per la sicurezza dell'utilizzo futuro.

5.4 Il cliente è legittimato a decompilare e riprodurre il software esclusivamente qualora questo sia previsto per legge. Tuttavia, ciò vale soltanto al presupposto che il venditore non abbia reso accessibili al cliente su sua richiesta le informazioni necessarie entro un termine adeguato.

5.5 Al di là dei casi citati ai punti da 5.1 a 5.3, il cliente non è legittimato alla riproduzione del software.

5.6 Il cliente non è legittimato a cedere a terze parti la copia del software eventualmente consegnatagli o altre copie eventualmente realizzate. In particolare non gli è concesso vendere, prestare, dare a noleggio il software, o concedere sottolicenze su di esso, o riprodurlo pubblicamente o renderlo accessibile al pubblico.

5.7 In caso di violazione di una delle disposizioni di cui sopra da parte del cliente, tutti i diritti di utilizzo conferiti nell'ambito del presente contratto perdono immediatamente validità e tornano automaticamente al venditore. In questo caso, il cliente deve interrompere immediatamente e completamente l'utilizzo del software, cancellare tutte le copie del software installate sui suoi sistemi nonché eventuale/i copia/e di backup realizzata/e, o consegnarle al venditore.

 

6) Obblighi del cliente

6.1 Il cliente è tenuto a proteggere la merce con misure adeguate dall'accesso di terze parti non autorizzate, in particolare a conservare tutte le copie di contenuti digitali in un luogo protetto, salvo diversamente stabilito nel presente contratto, in un eventuale certificato di licenza o in un'eventuale documentazione per l'utente.

6.2 Il cliente deve indicare un referente le cui dichiarazioni, nella misura in cui servano allo svolgimento del contratto, e le cui azioni siano vincolanti per il cliente. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

6.3 Il cliente è tenuto a informare il venditore prima e durante lo svolgimento del contratto su tutte le circostanze e i processi rilevanti per lo svolgimento di un contratto, che siano necessari e determinanti per la preparazione e l'esecuzione del contratto. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

6.4 Il cliente è tenuto a supportare il venditore secondo scienza e coscienza nell'attuazione del contratto, e a creare tutti i presupposti necessari per la regolare attuazione del contratto. Il cliente si impegna in particolare a mettere a disposizione del venditore tutti i documenti, i dati e le informazioni necessari all'adempimento agli obblighi contrattuali nella forma richiesta. Ciò comprende anche l'obbligo del cliente a informare puntualmente i dipendenti delle forniture o altre prestazioni del venditore in programma.

 

7) Diritto di revoca

7.1 I consumatori hanno diritto di revoca.

7.2 Ulteriori informazioni sul diritto di revoca sono riportate nelle istruzioni relative alla revoca del venditore consultabili alla pagina web https://www.lizengo.it/diritto-di-recesso oppure nel rispettivo marketplace del venditore.

 

8) Prezzi e condizioni di pagamento

8.1 Nella misura in cui non risulti diversamente dalla descrizione del prodotto del venditore, i prezzi indicati sono prezzi totali, comprensivi di IVA. Eventuali costi aggiuntivi di fornitura e spedizione vengono indicati separatamente nella rispettiva descrizione del prodotto.

8.2 Per forniture in Paesi al di fuori dell'Unione Europea è possibile, in casi isolati, che si abbiano costi aggiuntivi non imputabili al venditore, i quali vanno a carico del cliente. Tra questi si annoverano ad esempio i costi per il trasferimento di denaro da parte degli istituti di credito (ad es. tariffe per il bonifico, commissioni di cambio) oppure imposte o tasse sulle importazioni (ad es. tasse doganali). Tali costi in relazione al trasferimento di denaro si possono avere anche qualora la fornitura non avvenga in un Paese al di fuori dell'Unione Europea, ma il cliente esegua il pagamento da un Paese al di fuori dell'Unione Europea.

8.3 La/e possibilità di pagamento viene/vengono comunicata/e al cliente nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore.

Qualora sia concordato il pagamento anticipato tramite bonifico, il pagamento è esigibile immediatamente dopo la stipula del contratto, a meno che le parti non abbiano concordato un termine di scadenza successivo.

8.5 In caso di pagamento tramite una delle modalità offerte da PayPal (Europe) S.à r.l. et Cie, S.C.A., 22-24 Boulevard Royal, L-2449 Lussemburgo (di seguito: "PayPal"), l'elaborazione del pagamento avviene tramite PayPal, in applicazione delle condizioni di utilizzo di PayPal, consultabili alla pagina web https://www.paypal.com/de/webapps/mpp/ua/useragreement-full oppure, qualora il cliente non disponga di un account PayPal, in applicazione delle condizioni per i pagamenti senza account PayPal, consultabili alla pagina web https://www.paypal.com/de/webapps/mpp/ua/privacywax-full.

8.6 Qualora venga scelta la modalità di pagamento "bonifico SOFORT", l'elaborazione del pagamento avviene tramite il prestatore di servizi di pagamento SOFORT GmbH, Theresienhöhe 12, 80339 Monaco di Baviera (di seguito "SOFORT"). Per poter pagare l'importo in fattura tramite bonifico SOFORT, il cliente deve disporre di un conto con online banking abilitato alla partecipazione al bonifico SOFORT con processo PIN/TAN, autenticarsi corrispondentemente nel processo di pagamento e confermare il mandato di pagamento nei confronti di SOFORT. La transazione di pagamento viene eseguita immediatamente dopo da SOFORT, e l'importo viene addebitato sul conto bancario del cliente. Per ulteriori informazioni sulla modalità di pagamento con bonifico SOFORT, il cliente può consultare la pagina web https://www.sofort.com/ger-DE/kaeufer/su/so-funktioniert-sofort-ueberweisung/.

8.7 Qualora venga scelta la modalità di pagamento vista fattura, il prezzo d'acquisto è esigibile dopo che la merce è stata consegnata e messa in conto in fattura. In questo caso il prezzo d'acquisto va versato entro 7 (sette) giorni dalla ricezione della fattura senza detrazioni, salvo diversamente concordato. Quanto detto non pregiudica la regolamentazione sulla mora del § 286 comma 3 del Codice Civile tedesco. Il venditore si riserva la possibilità di offrire la modalità di pagamento vista fattura soltanto fino a un determinato volume d'ordine, e di rifiutarlo al superamento del tale volume d'ordine indicato. In questo caso, il venditore segnalerà al cliente la rispettiva limitazione dei pagamenti nelle sue informazioni sul pagamento nello shop online o nel rispettivo marketplace del venditore.

8.8 Qualora venga scelta la modalità di pagamento addebito SEPA, l'importo in fattura è esigibile per il pagamento dopo il conferimento di un mandato di addebito SEPA, e tuttavia non prima dello scadere del termine per l'avviso di preinformazione. La riscossione dell'addebito in caso di acquisto tramite un marketplace avviene con l'emissione dell'ordine. La riscossione dell'addebito in caso di acquisto tramite lo shop online del venditore avviene quando la merce ordinata lascia il magazzino del venditore e al cliente è stato comunicato un link per il download o inviata per e-mail una product key, dove rilevante è l'invio della comunicazione o dell'e-mail da parte del venditore, e tuttavia non prima dello scadere del termine per l'avviso di preinformazione. Un avviso di preinformazione ("Pre-Notification") è ogni comunicazione (ad es. fattura, polizza, contratto) del venditore al cliente che annunci un addebito SEPA. Qualora l'addebito non possa essere riscosso, per copertura insufficiente del conto o per indicazione di coordinate bancarie scorrette, o qualora il cliente pur non avendone diritto si opponga all'addebito, il cliente è tenuto a farsi carico delle tariffe dovute per storno al rispettivo istituto di credito, se a lui imputabili.

8.9 Qualora venga scelta la modalità di pagamento carta di credito, l'addebito avviene con la conclusione dell'ordine.

8.10 Qualora venga scelta la modalità di pagamento "Amazon Pay", il pagamento avviene tramite il prestatore di servizi di pagamento Amazon Payments Europe s.c.a 38 avenue J.F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo (di seguito "Amazon Pay") tramite le informazioni di pagamento memorizzate nell'account Amazon del cliente, in applicazione delle condizioni per pagamenti tramite Amazon Pay, consultabili alla pagina web https://pay.amazon.de/help/201751590?ld=NSGoogle.

8.11 In caso di pagamento tramite una delle modalità offerte dal prestatore di servizi di pagamento Klarna Bank AB (publ), Sveavägen 46, 111 34 Stoccolma, Svezia, (di seguito "Klarna"), il pagamento viene effettuato a Klarna secondo le seguenti condizioni:

Fattura: il termine di pagamento è di 14 giorni dall'invio della merce. Le condizioni relative alla fattura sono consultabili alla pagina web https://cdn.klarna.com/1.0/shared/content/legal/terms/EID/de_de/invoice?fee%3D0.

Acquisto a rate: con il servizio di finanziamento di Klarna, l'acquisto del cliente può essere saldato in maniera flessibile in rate mensili di almeno 1/24 dell'importo complessivo (e tuttavia di almeno 6,95 EUR) o alle condizioni altrimenti indicate nel processo di ordinazione. Il pagamento delle rate è dovuto di volta in volta alla fine del mese dopo l'invio di una fattura mensile da parte di Klarna. Ulteriori informazioni sull'acquisto a rate, comprese le Condizioni Generali di Vendita e le informazioni standard europee per i crediti al consumatore sono consultabili al sito web https://cdn.klarna.com/1.0/shared/content/legal/terms/EID/de_de/account.

Bonifico bancario diretto: l'addebito sul conto del cliente avviene immediatamente dopo l'emissione dell'ordine.

L'utilizzo delle modalità di pagamento fattura e acquisto a rate presuppone una verifica della solvibilità con esito positivo. Ulteriori informazioni e le condizioni per l'utente di Klarna sono consultabili al sito web https://cdn.klarna.com/1.0/shared/content/legal/terms/0/de_de/user.

8.12 La compensazione con crediti in contropartita del cliente contro crediti del venditore è esclusa, a meno che il venditore non abbia riconosciuto il credito in contropartita oppure che questo sia stabilito definitivamente. Il diritto di ritenzione dell'acquirente è limitato a tali crediti in contropartita.

8.13 In caso di ritardo nel pagamento, il venditore è legittimato a mettere in conto al cliente interessi di mora dell'ammontare del 9% sopra il tasso di base rispettivamente vigente. In caso di mancato pagamento entro il termine nonostante sollecito, il venditore è legittimato a esigere dal cliente le spese per il sollecito e l'incasso necessarie al fine di far valere i propri diritti per gli istituti di recupero crediti e gli avvocati coinvolti dal venditore. Queste si definiscono per gli istituti di recupero crediti in base ai tassi di calcolo degli istituti di recupero crediti stabiliti per legge, per gli avvocati in base alla legge tedesca sulla remunerazione degli avvocati. Qualora il venditore attui personalmente la messa in mora, il cliente si impegna a pagare un importo di EUR 1,50 per ogni sollecito effettuato. Ciò non vale per un sollecito che provochi il ritardo. Al cliente resta riservata la possibilità di provare un danno al venditore di entità inferiore. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

8.14 Per clienti non residenti nella Repubblica Federale di Germania è possibile l'acquisto al prezzo netto se indicano già in fase di ordinazione il loro numero di partita IVA valido. Comunicazioni del numero di partita IVA successive all'emissione dell'ordine non saranno considerate.

 

9) Condizioni di fornitura e spedizione

9.1 La fornitura di merci avviene tramite spedizione all'indirizzo di consegna indicato dal cliente, salvo diversamente concordato. Nell'elaborazione della transazione è determinante l'indirizzo di consegna indicato nell'elaborazione dell'ordine del venditore.

9.2 Qualora l'impresa di trasporti rimandi la merce inviata al venditore poiché non è stato possibile consegnarla al cliente, i costi della spedizione infruttuosa sono a carico del cliente. Ciò non vale se il cliente esercita efficacemente il suo diritto di revoca, se la causa dell'impossibilità a consegnare non è imputabile a lui o se era temporaneamente impossibilitato a ricevere la prestazione offerta, a meno che il venditore non gli avesse annunciato la prestazione con un anticipo adeguato.

9.3 Per questioni logistiche non è possibile il ritiro di persona.

9.4 I contenuti digitali vengono messi a disposizione del cliente in formato elettronico da scaricare, tramite comunicazione di un link per il download. Le product key vengono inviate al cliente per e-mail.

 

10) Riserva di proprietà

10.1 Fino al saldo completo del prezzo d'acquisto dovuto al venditore, le merci non digitali fornite rimangono proprietà del venditore (riserva di proprietà).

10.2 Il cliente è tenuto a conservare la merce non digitale per il venditore e a trattarla con cura. Con l'immagazzinamento deve rendere ben chiaro che la merce è di proprietà del venditore, ad esempio separandola dal resto dello stock. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

10.3 In caso di pignoramenti o altri interventi di terze parti, il cliente deve informare tempestivamente per iscritto il venditore.

10.4 Il cliente è legittimato a rivendere la merce non digitale in un'ordinaria transazione commerciale, e tuttavia non a trasferirle come garanzia o impegnarle. Egli cede fin d'ora al venditore tutti i crediti dell'ammontare dell'importo finale in fattura (IVA compresa) dei crediti del venditore che gli risultino dalla rivendita nei confronti dei suoi acquirenti o altre terze parti. La cessione serve a garanzia del credito interessato nella stessa misura della riserva di proprietà ai sensi del punto 10.1 delle presenti condizioni. Il cliente continua ad essere autorizzato alla riscossione di tali crediti anche dopo la cessione. Tuttavia il venditore è legittimato a riscuotere egli stesso i crediti qualora il cliente non adempia ai suoi obblighi di pagamento, sia in ritardo con il pagamento, venga presentata un'istanza di apertura di una procedura d'insolvenza o il cliente sospenda i pagamenti. In questi casi, il venditore ha facoltà di revocare l'autorizzazione alla riscossione. Il venditore può inoltre esigere che il cliente gli renda immediatamente noti i crediti ceduti e i relativi debitori, che rilasci al venditore una dichiarazione di cessione scritta e che gli metta a disposizione tutte le informazioni e tutti i documenti necessari alla riscossione del credito. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

10.5. Qualora le merci non digitali fornite dal venditore vengano connesse o mescolate con altri oggetti mobili in maniera tale da divenire parte integrante ed essenziale di una cosa unica, allora il cliente trasferisce al venditore la comproprietà proporzionale di tale cosa unica. Il cliente cede fin d'ora al venditore tutti i crediti dell'ammontare dell'importo finale in fattura (IVA compresa) dei crediti del venditore che gli risultino dalla rivendita di oggetti dei quali al venditore spetti la comproprietà; il venditore accetta questa cessione. Le regolamentazioni del punto 10.4 frase 3 e seguenti valgono in maniera corrispondente. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

10.6 Qualora il cliente utilizzi le merci non digitali fornite dal venditore in maniera tale che queste divengano parte integrante di una cosa nuova e la proprietà del venditore in tal modo decada definitivamente, la proprietà del venditore continua in rapporto proporzionale sul prodotto creato. Il cliente cede fin d'ora al venditore tutti i crediti dell'ammontare dell'importo finale in fattura (IVA compresa) dei crediti del venditore che gli risultino dalla rivendita del prodotto nei confronti dei suoi acquirenti o altre terze parti. Le regolamentazioni del punto 10.4 frase 3 e seguenti valgono in maniera corrispondente. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

10.7 Qualora le garanzie spettanti al venditore superino i crediti garantiti di più del 20%, allora il venditore è tenuto, su richiesta del cliente, alla restituzione a scelta del venditore per le garanzie che superano il limite sopra citato.

 

11) Garanzia legale nei contratti ai sensi dei punti 3.2, 3.3 a) e 3.4

11.1 Le regolamentazioni del presente punto 11 valgono per contratti ai sensi dei punti 3.2, 3.3 a) e 3.4.

11.2 Rivendicazioni per vizi della cosa nei confronti del venditore decadono entro un anno dopo il passaggio del rischio, nella misura in cui si tratti di nuovi oggetti prodotti o prestazioni lavorative. Ciò non vale se sono previsti per legge termini più lunghi, ai sensi del § 438 comma 1 numero 2 (edifici e cose per edifici), § 445b comma 1 (diritto di regresso) e § 634a comma 1 numero 2 (vizi di costruzione) del Codice Civile tedesco. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

11.3 In caso di fornitura di merci usate, salvo prescrizioni di legge e altri accordi, resta escluso qualsiasi diritto per vizi della cosa. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

11.4 Tutte le indicazioni sulle merci, siano esse state espressamente concordate per iscritto o meno, sono indicazioni sulla natura della merce e non garanzie, proprietà assicurate, utilizzi presupposti da contratto o simili. Inesattezze evidenti (errori di ortografia, errori di calcolo, errori di forma, ecc.) in appunti, protocolli, istruzioni per l'uso, calcoli, prospetti, nello shop online del venditore, ecc. possono essere corrette dal venditore in qualsiasi momento. Resta esclusa la rivendicazione di correzione di tali difetti evidenti.

11.5 Per le forniture del venditore nei confronti di commercianti valgono in ogni caso gli obblighi legali d'ispezione e denuncia dei vizi ai sensi del § 377 del Codice di Commercio tedesco. Se una fornitura viene effettuata per conto di un intermediario direttamente a un consumatore, è soggetta anche in questo caso e illimitatamente all'obbligo commerciale di denuncia dei vizi. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

11.6 Qualora il cliente rifiuti la fornitura del venditore per un motivo diverso da un vizio consistente che limiti pesantemente l'utilizzo o lo renda impossibile, sebbene il venditore abbia dichiarato la sua disponibilità alla prestazione, allora il cliente viene a trovarsi in ritardo di accettazione. L'accettazione della merce non può esser rifiutata per un vizio non essenziale.

11.7 Sono esclusi dalla garanzia legale vizi riconducibili a un utilizzo improprio, componenti del sistema modificati rispetto ai fondamenti contrattuali, utilizzo di mezzi organizzativi inadatti, utilizzo in un ambiente hardware o software che non soddisfi i requisiti indicati nel certificato di licenza, condizioni di esercizio inusuali o attacchi al sistema da parte del cliente o di terze parti. Se le merci vengono utilizzate in combinazione ad apparecchi di terze parti, una garanzia legale per vizi di funzionamento e prestazione si ha soltanto se i vizi compaiono anche senza tale combinazione o se la compatibilità con tali apparecchi è parte della natura della merce concordata da contratto.

11.8 Se una fornitura è difettosa, il venditore può attuare l'adempimento successivo a sua scelta tramite eliminazione del vizio (riparazione) o tramite fornitura di una merce priva di difetti (fornitura sostitutiva). In quest'ultimo caso, su richiesta del venditore, il cliente è tenuto a restituire la merce difettosa secondo le prescrizioni di legge. Se il cliente è un consumatore, la frase precedente vale con l'indicazione che i diritti di utilizzo non devono essere restituiti o sostituiti con il loro valore. Il cliente deve dare al venditore tempo e modo di attuare l'adempimento successivo, in particolare per la riparazione.

11.9 Le spese necessarie ai fini del controllo e dell'adempimento successivo, in particolare costi di trasporto, viaggio, lavoro e materiali, sono a carico del venditore come da prescrizioni di legge, se è effettivamente presente un vizio. In caso di richiesta illegittima di eliminazione di un vizio da parte del cliente, il venditore è legittimato a richiedere il risarcimento delle spese sostenute per l'adempimento successivo, tranne nel caso in cui il reclamo per merce difettosa non appropriato non sia imputabile al cliente. Qualora l'adempimento successivo fallisca, il venditore rifiuti definitivamente e seriamente l'adempimento successivo (anche ai sensi del § 439 comma 4 del Codice Civile tedesco), l'adempimento successivo non sia accettabile per il cliente o si abbia un caso presentato dal § 323 comma 2 del Codice Civile tedesco, allora il cliente può recedere dal contratto senza pregiudizio di eventuali diritti di risarcimento danni oppure ridurre la controprestazione.

11.10 Rivendicazioni e diritti del cliente per vizi non sussistono qualora la merce si discosti solo in misura irrilevante dalla natura concordata, la sua utilizzabilità sia pregiudicata solo in misura irrilevante, in caso di usura naturale o di danni riconducibili a trattamento o immagazzinamento scorretto o negligente, sollecitazione eccessiva, impianti di esercizio inadatti o influenze esterne particolari che non erano previsti in base al contratto. Qualora, in conseguenza del fallimento di un adempimento successivo, il cliente sia legittimato da una parte a richiedere ulteriormente l'adempimento successivo e dall'altra parte a far valere i diritti spettantigli per legge al posto di questo, il venditore può richiedere al cliente di esercitare i suoi diritti entro un termine adeguato. Il cliente deve comunicare al venditore la sua decisione in forma di testo (ad es. e-mail, fax o lettera). Decisivo per il rispetto del termine è l'arrivo della dichiarazione del cliente al venditore. Se il cliente non esercita i suoi diritti nel rispetto del termine, allora può farli valere, e in particolare può far valere il diritto di recesso o risarcimento danni al posto della prestazione, soltanto se è scaduto senza risultati un nuovo termine adeguato per l'adempimento successivo, che fisserà il cliente stesso. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

11.11 I diritti di regresso del cliente nei confronti del venditore ai sensi del § 445a del Codice Civile tedesco sussistono soltanto nella misura in cui il cliente non abbia stipulato con i suoi acquirenti accordi che vadano al di là dei diritti derivanti da vizi della cosa. Questa regola non vale per i consumatori.

11.12 La prescrizione abbreviata e l'esclusione della responsabilità secondo questo punto 11 non valgono nei casi di lesioni intenzionali o per negligenza alla vita, all'integrità fisica o alla salute, in caso di violazione degli obblighi intenzionale o per negligenza grave da parte del venditore, qualora un vizio sia stato taciuto intenzionalmente, qualora sussista una garanzia legale pertinente sulla caratteristica in questione o in caso di rivendicazioni ai sensi della legge tedesca sulla responsabilità da prodotto difettoso.

11.13 Qualora in base al presente contratto il venditore fornisca update, upgrade, nuove versioni di programmi o altri nuovi contenuti riferiti all'oggetto originario del contratto, questo punto 11 vale in maniera corrispondente.

11.14 Qualora siano presenti vizi giuridici, le disposizioni di questo punto 11 valgono in maniera corrispondente.

 

12) Garanzia legale nei contratti ai sensi del punto 3.3 b)

12.1 Le regolamentazioni del presente punto 12 valgono per contratti ai sensi del punto 3.3 b).

12.2 In caso di vizi della cosa, al cliente spettano i diritti previsti per legge. Il cliente è tenuto a informare tempestivamente il venditore su eventuali vizi della cosa.

12.3 Resta escluso il diritto del cliente al recesso straordinario per impossibilità di utilizzo come da contratto ai sensi del § 543 comma 2 frase 1 num. 1 del Codice Civile tedesco. Ciò non vale qualora si tratti di un vizio taciuto intenzionalmente dal venditore o in caso di fornitura non puntuale al cliente, se il ritardo nella fornitura è imputabile al venditore.

12.4 Non sussistono diritti e rivendicazioni del cliente per vizi se egli utilizza il software in maniera impropria o non conforme alle disposizioni, se modifica o altera il software senza il previo consenso scritto del venditore oppure se i problemi o gli errori sono basati sul fatto che il software viene utilizzato in un ambente hardware o software non corrispondente ai requisiti indicati nel certificato di licenza, a meno che il cliente non provi che il vizio è riconducibile al software in sé.

12.5 Rivendicazioni e diritti del cliente per vizi non sussistono qualora la merce si discosti solo in misura irrilevante dalla natura concordata, la sua utilizzabilità sia pregiudicata solo in misura irrilevante, in caso di usura naturale o di danni riconducibili a trattamento o immagazzinamento scorretto o negligente, sollecitazione eccessiva, impianti di esercizio inadatti o influenze esterne particolari che non erano previsti in base al contratto.

12.6 L'esclusione della responsabilità secondo questo punto 12 non vale nei casi di lesioni intenzionali o per negligenza alla vita, all'integrità fisica e alla salute, in caso di violazione degli obblighi intenzionale o per negligenza grave da parte del venditore, qualora un vizio sia stato taciuto intenzionalmente, qualora sussista una garanzia legale pertinente sulla caratteristica in questione o in caso di rivendicazioni ai sensi della legge tedesca sulla responsabilità da prodotto difettoso.

12.7 Qualora in base al presente contratto il venditore fornisca update, upgrade, nuove versioni di programmi o altri nuovi contenuti riferiti all'oggetto originario del contratto, questo punto 12 vale in maniera corrispondente.

12.8 Qualora siano presenti vizi giuridici, le disposizioni di questo punto 12 valgono in maniera corrispondente.

 

13) Condizioni di garanzia contrattuale "garanzia Money Back 100%"

La garanzia ha una durata limitata a 3 anni a partire dalla data della fattura. Da ciò sono esclusi i prodotti con durata limitata. Per questi prodotti la garanzia ha una durata limitata alla durata del prodotto. Dietro comprova che il prodotto sia stato acquistato dal venditore e dietro conferma scritta che il prodotto non venga più utilizzato né sia stato ceduto a terze parti, viene rimborsato il 100% del prezzo pagato senza necessità di indicare motivazioni. Il rimborso avviene 14 giorni dopo l'arrivo della comprova e della conferma al venditore. Questa garanzia si applica solo per i consumatori.

 

14) Responsabilità per altre violazioni degli obblighi

14.1 Per violazioni degli obblighi che non costituiscano vizi della cosa o vizi giuridici ai sensi dei punti 11 e 12, il venditore è responsabile per dolo e negligenza grave dei suoi organi e agenti nonché, indipendentemente dal grado di colpa, per danni derivanti da lesioni alla vita, all'integrità fisica e alla salute.

14.2 Il venditore risponde inoltre per negligenza lieve dei suoi organi e agenti in caso di impossibilità, di ritardo nella prestazione, di mancato rispetto di una garanzia o di violazione di un altro obbligo contrattuale essenziale. Obblighi contrattuali essenziali sono quelli il cui adempimento consente fondamentalmente la regolare esecuzione del contratto e sulla cui osservanza il partner contraente deve regolarmente poter contare. In questi casi, la responsabilità del venditore è limitata a quei danni tipici del contratto che il cliente aveva dovuto ragionevolmente considerare al momento della stipula del contratto.

14.3 Resta esclusa una responsabilità del venditore che vada oltre la responsabilità descritta ai punti 12.1 e 12.2, indipendentemente dal motivo giuridico. Ciò vale in particolare per tutte le rivendicazioni per violazione di obblighi contrattuali e per rivendicazioni per azioni non permesse, ma non per quelle per colpa al momento della stipula del contratto.

14.4 Il venditore non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite di dati in fase di controllo, eventuali misure di riparazione necessarie o altri servizi. Il cliente deve fare in modo che i dati presenti sui rispettivi strumenti o supporti dati siano messi in sicurezza e che non vi siano memorizzati dati sensibili.

14.5 Ogni limitazione di responsabilità concordata con il cliente vale anche in favore degli organi e degli agenti del venditore.

14.6 Quanto detto non pregiudica i diritti previsti dalla legge tedesca sulla responsabilità da prodotto difettoso.

 

15) Riscossione di buoni promozionali

15.1 I buoni distribuiti gratuitamente dal venditore nell'ambito di azioni pubblicitarie con un determinato periodo di validità e non acquistabili a pagamento dal cliente (di seguito "buoni promozionali") possono essere riscossi soltanto nello shop online del venditore e soltanto entro il periodo di tempo indicato.

15.2 Alcuni singoli prodotti possono essere esclusi dalla promozione del buono, se una tale limitazione risulta dal contenuto del buono promozionale.

15.3 I buoni promozionali possono essere riscossi solo prima della conclusione del processo di ordinazione. Non è possibile calcolarli in seguito.

15.4 Per ogni ordinazione è sempre possibile riscuotere un solo buono promozionale.

15.5 Il valore della merce deve corrispondere almeno al valore del buono promozionale. Il venditore non rimborsa un eventuale credito residuo.

15.6 Se il valore del buono promozionale non è sufficiente a coprire l'importo dell'ordine, per saldare la differenza può essere selezionata una delle altre modalità di pagamento offerte dal venditore.

15.7 Il credito di un buono promozionale non viene pagato in contanti né matura interessi.

15.8 Il buono promozionale non viene rimborsato se il cliente restituisce la merce pagata completamente o parzialmente con il buono promozionale esercitando il suo diritto di recesso.

15.9 Il buono promozionale è trasferibile. Il venditore può fornire la prestazione con effetto liberatorio alla rispettiva persona in possesso del buono promozionale che lo riscuote nello shop online del venditore. Ciò non vale se il venditore è a conoscenza, o non è a conoscenza per negligenza grave, della mancata legittimazione, dell'incapacità di agire o della mancanza di autorizzazione alla rappresentanza della rispettiva persona in possesso del buono promozionale.

 

16) Citazione come referenza

Se il cliente è un'impresa, egli acconsente a essere citato dal venditore come referenza, con indicazione della sua ditta e utilizzando il suo marchio riferito a tale ditta, nel sito internet del venditore, nei suoi profili social media (come Twitter, LinkedIn, Xing) e in sue pubblicazioni. Tale consenso è revocabile in qualsiasi momento con effetto per il futuro tramite dichiarazione al venditore.

 

17) Disposizioni finali

17.1 La parte contraente è legittimata a cedere a terze parti diritti e rivendicazioni risultanti dal rapporto contrattuale soltanto con il previo consenso scritto del venditore. Quanto detto non pregiudica il § 354a del Codice di Commercio tedesco; il § 354a del Codice di Commercio tedesco non vale nei confronti dei consumatori.

17.2 Si applica esclusivamente il diritto tedesco, in esclusione della Convenzione delle Nazioni Unite sui contratti per la vendita internazionale di beni mobili e di ulteriori rinvii del diritto internazionale privato e processuale. Per i consumatori tale scelta del diritto vale soltanto nella misura in cui non vi siano disposizioni vincolanti del diritto dello Stato in cui il consumatore ha il proprio domicilio abituale che garantiscono una tutela più ampia.

17.3 Foro competente esclusivo per tutte le controversie risultati da e connesse a contratti per i quali valgano queste CGV è la sede del venditore; il venditore è tuttavia legittimato a citare il cliente presso qualunque tribunale legalmente aperto. Questa regola non vale nei confronti dei consumatori.

17.4 La Commissione UE fornisce via internet una piattaforma per la risoluzione delle controversie online al seguente link:
https://ec.europa.eu/consumers/odr. Tale piattaforma funge da punto di contatto per la risoluzione straordinaria di controversie risultati da contratti di compravendita e servizio online alle quali partecipi un consumatore. Il venditore non è tenuto a partecipare a una procedura di risoluzione delle controversie dinnanzi a un organo di conciliazione per consumatori, e tuttavia è fondamentalmente disposto a parteciparvi. Quanto detto non pregiudica le rimanenti disposizioni di questo punto 17.

Visti di recente
Live Chat Live Chat